I migliori consigli per un volontariato responsabile

Un antidoto basato sul mercato al "voluntourismo"

(Gli elementi grafici sono progettati da Freepik da www.flaticon.com con modifiche)

Cosa c'è di sbagliato nel voluntourismo?

A sedici anni ho trascorso due settimane ad Ahmedabad, in India, nell'ambito di uno scambio organizzato dal mio liceo internazionale. Il viaggio è stato in parte uno scambio culturale: siamo stati con le famiglie ospitanti della nostra scuola partner ad Ahmedabad e abbiamo accolto questi studenti per due settimane nelle nostre case. Tuttavia, un elemento principale del nostro soggiorno è stato l'insegnamento dell'inglese nelle scuole di strada gestite da varie ONG indiane.

Guardando indietro, mi rendo conto che cerco consapevolmente di enfatizzare l'obiettivo culturale del mio viaggio. Tuttavia, non posso negare quanto dirompente ogni nostra visita alle scuole sarebbe stata. Arrivando per sole 2 o 3 ore per insegnare ai bambini desiderosi i nomi dei colori in inglese o come cantare “Testa, spalle, ginocchia e dita dei piedi”, siamo stati quindi immediatamente portati alla prossima attività, lasciando agli insegnanti a tempo pieno di continuare la loro programma interrotto.

Vi è un chiaro problema nell'attuale settore degli aiuti e del volontariato e le critiche al voluntourismo sono diffuse. Nonostante siano ben intenzionate, molte di queste iniziative sono miopi, favoriscono i guadagni dei donatori e compromettono la dignità dei beneficiari pur senza avere un reale impatto. Clicca qui, qui e qui per alcuni grandi articoli sull'argomento.

L'effetto dannoso del voluntourismo, in particolare in relazione alla fornitura di insegnamento a breve termine o assistenza agli "orfani" nelle regioni in via di sviluppo, è stato ora ampiamente riconosciuto. È particolarmente dannoso per i bambini che i volontari cercano di aiutare e promuovono orfanotrofi fraudolenti. Vedi qui per maggiori informazioni sul business degli orfanotrofi in Cambogia che, secondo Ian Birrell nel Guardian, "commercia sulla colpa".

Nel suo discorso del 1968 "All'inferno con buone intenzioni", Ivan Illich ha rivelato la dura verità che il "voluntourismo", lungi dal soddisfare i bisogni delle nazioni in via di sviluppo, riguarda in realtà l'autorealizzazione degli occidentali. Sostiene che crea una nuova forma di colonialismo, con facoltosi volontari che assumono la soluzione per lo sviluppo quando tutto ciò che possono legittimamente fornire è una "presenza volontaria come ricevitori". In parole povere, le buone intenzioni non sono abbastanza buone.

Benefici?

Questo non vuol dire che tutte le forme di volontariato siano definitivamente cattive. Ci sono molti aspetti del mio scambio in India che apprezzo molto. Ho stretto un'amicizia a lungo termine con il mio ospite e ho acquisito consapevolezza e prospettiva. Tuttavia, la chiave era riconoscere che il viaggio era benefico per me, non necessariamente per quelli che cercavo di aiutare. È stato un viaggio di auto-realizzazione.

Dopo aver letto una serie di articoli correlati durante la mia ricerca, mi sono reso conto che quasi tutti, come il mio, iniziano con un aneddoto personale. Il volontarismo è diventato un luogo comune nella società occidentale e quindi, invece di elencare semplicemente tutti i suoi aspetti negativi, sento che è necessario discutere su come fare volontariato in modo responsabile.

Se stai pensando al volontariato, ecco i nostri 4 migliori consigli per un volontariato responsabile e sostenibile. La chiave è armarti con le giuste informazioni. Essere ben informato puoi prendere decisioni con la testa, piuttosto che lasciare che il tuo cuore agisca impulsivamente.

1. Chiediti: il volontariato è l'uso più efficace del tuo tempo e delle tue risorse?

(Gli elementi grafici sono progettati da Freepik da www.flaticon.com con modifiche)

Viaggiare in un Paese e svolgere attività di insegnamento a breve termine, edilizia o di aiuti generali creerà davvero il maggiore impatto possibile?

Se possiedi le competenze richieste o la regione si trova di fronte a una crisi che richiede una forza di lavoro pura che supera le capacità di una forza lavoro locale, allora potrebbe essere così. Tuttavia, in genere gli organizzatori ammettono che il lavoro svolto dai volontari non è necessario. È il finanziamento che i volontari portano con sé in grado di fornire soluzioni.

Invece di voluntourismo, pensa a investire a lungo termine. Scegliendo di lavorare professionalmente nello sviluppo internazionale o, più semplicemente, donando i soldi che avresti speso per il volontarismo a un'organizzazione legittima. Ad esempio Medici senza frontiere, possibile o UNICEF.

Ovviamente è ancora importante fare i compiti con le ONG prima di buttare soldi per il problema. Verifica se l'organizzazione prescelta è trasparente con le sue finanze e se ha recentemente pubblicato un rapporto di impatto completo che illustra risultati concreti.

2. Mettiti nei loro panni: questo tipo di volontariato è appropriato?

(Gli elementi grafici sono progettati da Freepik da www.flaticon.com con modifiche)

Se puoi fare volontariato solo per un breve periodo, assicurati che sia appropriato e abbia senso. Come accennato in precedenza, è possibile che le organizzazioni necessitino di assistenza non qualificata a breve termine.

Almeno tentando di mettersi in una situazione simile diventa più ovvio se questo tipo di volontariato è appropriato. Se fossero i tuoi figli ad avere un flusso costante di insegnanti in continua evoluzione che entrano per una sessione di due ore, lo troveresti dannoso? In tal caso, il nostro doppio standard è eticamente discutibile?

Ancora una volta, questo non vuol dire che il volontariato sarà inappropriato in tutti i casi, e ovviamente i due scenari sono lungi dall'essere adeguatamente comparabili. Tuttavia, è importante essere onesti con te stesso: ti preoccupi di più della tua esperienza personale o dell'impatto sociale sugli altri? Al fine di fornire soluzioni sostenibili, spesso un aiuto non qualificato e di breve durata non è la risposta.

3. Fai le tue ricerche

(Gli elementi grafici sono progettati da Freepik da www.flaticon.com con modifiche)

Se decidi che viaggiare per fare volontariato è l'opzione migliore, fai i compiti e consulta prima le diverse organizzazioni per verificare che siano legittime. Ecco alcune cose chiave da cercare:

  • Assicurarsi che l'organizzazione sia registrata nel loro paese di origine e con il governo locale in base al quale operano;
  • Controlla come selezionano i loro volontari, garantiscono adeguatamente la protezione e la sicurezza di coloro che lavorano per aiutare?
  • Presta particolare attenzione alla missione dell'organizzazione: è la loro attenzione alla tua esperienza o al loro impatto e alla comunità che intendono aiutare? Le organizzazioni che ti promettono un'esperienza "unica" e "che apre gli occhi" potrebbero non promuovere una filosofia con cui vuoi allinearti;
  • Leggi i loro rapporti di impatto e valuta l'efficacia con cui l'organizzazione sta realizzando la sua missione proposta;
  • L'organizzazione impiega gente del posto? Altrimenti, ci sono poche possibilità di creare un impatto sostenibile;
  • E infine, controlla dove stanno andando i tuoi soldi. L'organizzazione è trasparente con le sue finanze?

Effettuando un'attenta ricerca è possibile evitare di agire impulsivamente "con il cuore" e contribuire inconsapevolmente al problema.

4. Dimentica i tuoi benefici

(Gli elementi grafici sono progettati da Freepik da www.flaticon.com con modifiche)

Se intraprendi un viaggio con l'obiettivo di creare un impatto sociale attraverso il lavoro di volontariato, lascia dietro di te le preoccupazioni sulla tua esperienza. Chiedi all'organizzazione che hai scelto di cosa hanno bisogno piuttosto che imporre le tue abilità. Lavora consapevolmente per lasciare di più con la comunità rispetto a ciò che porti personalmente e assicurati sempre di non impedire l'accesso ai lavori per i locali.

Bridge per la soluzione di miliardi: approccio basato sul mercato

La soluzione di Bridge for Billion per la crescita sostenibile deriva dalla nostra opinione che le imprese, non la carità, dovrebbero essere al centro del cambiamento sociale. In effetti, una delle motivazioni alla base di Bridge for Billions è venuta dall'esperienza del nostro CEO Pablo con il voluntourismo.

"Durante la mia carriera e soprattutto durante il mio periodo in India, Tailandia e Cina, sono stato continuamente ammalato dalle conseguenze del settore dell'aiuto e del volontariato, in particolare dal" voluntourismo ". Sulla base di queste esperienze, mi sono convinto che un approccio basato sul mercato , con l'imprenditorialità locale e la creazione di posti di lavoro al centro, è stato fondamentale per alleviare la povertà ".

Tramite la nostra piattaforma di incubazione online, Bridge for Billions adotta un approccio di mercato al cambiamento sociale attraverso l'imprenditorialità. La piattaforma accessibile e conveniente supera la difficoltà centrale degli attuali ecosistemi imprenditoriali: diffondere la tecnologia e sviluppare un business scalabile che soddisfi le esigenze dei clienti che di solito vengono ignorati dal mercato.

Mettendo l'imprenditorialità locale e la creazione di posti di lavoro al centro, il nostro programma genera un impatto sociale sostenibile. Autorizziamo le comunità locali a fornire la propria soluzione a bisogni insoddisfatti e abilitiamo i tutor qualificati a fare volontariato al fine di aiutare a definire in modo completo un piano aziendale fattibile. Questo tipo di volontariato distoglie l'attenzione dall'esperienza personale di un volontario e si concentra esattamente sul risultato finale, l'impatto sociale sostenibile.

Sei anche appassionato di creare un impatto sociale sostenibile? Vuoi far decollare la tua idea? Clicca qui per saperne di più sul nostro programma.